MediaWorld presenta il Piano triennale di investimenti per l’Italia

0
300

Qualche giorno fa c’è stato l’incontro al Ministero del Lavoro, durante il quale MediaWorld ha presentato il Piano di trasformazione e sviluppo che prevede investimenti per decine di milioni di euro in Italia nei prossimi 3 anni.

Obiettivo del piano, consolidare la leadership dell’azienda, rafforzando la presenza sul territorio e lanciando nuovi format distribuitivi, il primo dei quali sarà presentato nel prossimo mese di maggio, in provincia di Torino.

Nell’ottica di una evoluzione verso l’omnicanalità, sono previste inoltre una serie di iniziative customer-centriche come il lancio di nuovi servizi B2B dedicati alle aziende, lo sviluppo di soluzioni di after-sales, delivery, installazione e servizi a valore aggiunto oltre alla clusterizzazione dell’offerta assortimentale con logiche di category management.

L’azienda punta quindi a rafforzare la redditività facendo leva sull’arricchimento di gamma dei prodotti e servizi offerti e sul recupero di efficienza gestionale.

Il piano prevede inoltre una migliore allocazione delle risorse professionali tra i singoli punti vendita, garantendo quindi gli attuali livelli occupazionali sul territorio italiano.

Guido Monferrini, CEO MediaWorld, ha dichiarato: «MediaWorld rimarrà leader assoluto del mercato italiano. Per raggiungere questo obiettivo abbiamo disegnato un piano concreto e attuabile, che sta già dando i suoi frutti e che lancia una nuova sfida agli operatori dell’e-commerce salvaguardando i livelli occupazionali. Gli investimenti a doppia cifra in Italia nei prossimi 3 anni sono il segno di grande forza e determinazione a servire i nostri clienti come mai fatto finora da alcun operatore sul mercato».

Durante l’incontro, MediaWorld ha confermato però anche la volontà di chiudere i punti vendita di Grosseto e Milano Stazione Centrale, di trasferire la sede di Curno (Bergamo) a Verano Brianza e di eliminare dal 1° maggio 2018 il bonus presenza e la maggiorazione economica del 90% prevista per il lavoro domenicale.