Evasione e riciclaggio a Roma, coinvolto un noto Brand dell’elettrodomestico

0
1214

Da alcune ore la stampa si sta occupando di un grave fatto che macchia il buon nome di chi opera nel mondo degli elettrodomestici. Scrive RomaToday (ma potremmo citare altre fonti): “Ville e auto di lusso sequestrati e quote del capitale sociale di una nota società di elettrodomestici che oggi sponsorizza squadre di calcio di serie A e B, di basket e di pallavolo congelate. E’ questo l’esito dell’operazione ‘Rewind the Past’ che ha permesso ai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza d Roma di eseguire un decreto di sequestro preventivo di beni mobili ed immobili per un valore di oltre 2 milioni di euro, emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Velletri, finalizzato a cautelare i beni di una società immobiliare dei Castelli Romani e degli amministratori, per il reato di ‘riciclaggio’ conseguente a condotte di bancarotta ed evasione fiscale”.

Oltre un anno di indagini per delineare un’enorme truffa, estesa su tutto il territorio nazionale, che si avvaleva della consueta ragnatela societaria “a scatole cinesi” e “teste di legno” ai vertici. Il tutto “condito” da flussi finanziari che ruotavano intorno a royalties, marchi e brevetti acquistati per centinaia di migliaia di euro per poi essere rivenduti per pochi euro.

Secondo la miglior trama della “banda del buco”, tutto questo giro di denaro era finito in prestigiosi appartamenti, ville, immobili commerciali, perfino auto di grossa cilindrata. Considerato, e per questo ne scriviamo, che fra i beni acquisiti ci sono anche le quote di una gloriosa società di elettrodomestici (che sponsorizza squadre di calcio di serie A e B, di pallavolo e di basket) non rimane che seguirne gli sviluppi.