Un progetto di cohousing basato sulla sostenibilità per Mitsubishi Electric Climatizzazione

0
123
Dopo il successo di COventidue, Mitsubishi torna a collaborare con Cohousing.it per “Urban Village Navigli”, che farà rinascere il vecchio edificio scolastico di Via Pestalozzi a Milano
Dopo il successo di COventidue, Mitsubishi torna a collaborare con Cohousing.it per “Urban Village Navigli”, che farà rinascere il vecchio edificio scolastico di Via Pestalozzi a Milano

Qualche mese fa avevamo intervistato Raffaella Fusetti, Marketing Communication Manager di Mitsubishi Electric Climatizzazione, che durante la presentazione dei nuovi climatizzatori Deluxe, aveva più volte messo l’accento su temi quali la salvaguardia ambientale e l’utilizzo consapevole dell’energia.
E proprio queste sono le ragioni che hanno spinto la Divisione Climatizzazione di Mitsubishi Electric a collaborare con Cohousing.it per lo sviluppo del progetto “Urban Village Navigli” in via Pestalozzi a Milano.
Il progetto sarà realizzato dallo studio Cino Zucchi Architetti, secondo i principi del cohousing, in collaborazione con le persone che vi abiteranno in futuro. L’idea, infatti, è proprio quella creare un nuovo modo di vivere basato su socialità, condivisione, collaborazione e stili di vita sostenibili. Il tutto senza sacrificare la privacy individuale.
Ogni modulo abitativo avrà il massimo in termini di comfort e classe energetica A+, con una particolare attenzione all’aspetto sociale e alla sostenibilità ambientale.
«Dopo l’esperienza positiva di COventidue, il primo cohousing in centro a Milano, abbiamo scelto di continuare a sostenere NewCoh e la community di Cohousing.it perché alla base dei loro progetti c’è l’obiettivo di recuperare e riqualificare il patrimonio immobiliare ormai dismesso, secondo un processo di sostenibilità ambientale e, soprattutto, sociale – dichiara Fabrizio Maja, Deputy Director Air Conditioning Division Mitsubishi Electric. – Questa collaborazione ci consentirà di promuovere ancora una volta quanto sia importante favorire una maggiore consapevolezza nell’utilizzo dell’energia e avere un approccio più responsabile nei confronti dell’ambiente, tenendo sempre conto del risparmio energetico garantito grazie ad investimenti in tecnologie a basso impatto ambientale».