FINDOMESTIC Gli italiani spendono di più in elettrodomestici

0
117
findomestic
L’analisi regionale sui consumi di Findomestic registra un incremento della spesa degli italiani per l’acquisto di elettrodomestici, particolarmente elevato in alcune regioni

Negli ultimi anni, in Italia si spende di più per l’acquisto di elettrodomestici. Lo mette in evidenza un’indagine effettuata dall’Osservatorio di Findomestic Banca relativa alla spesa dei consumatori nazionali per vari beni durevoli.
Considerando il macro-comparto nel suo complesso, la Valle d’Aosta si è dimostrata la regione più dinamica (+7,8%), seguita dalle Marche (+7,8%) e dalla Puglia (+7,3%); mentre la Lombardia registra il livello più alto di spesa complessiva (+6,8%), imputabile sia al mercato delle auto nuove e dei motoveicoli sia ai buoni risultati raggiunti dal mercato degli elettrodomestici.
Lo scorso anno, la spesa totale per l’acquisto di eldom è aumentata del 2,2% superando i 4,4 miliardi di euro, ovvero 170 euro per famiglia, l’1,6% in più rispetto al 2015. Valle d’Aosta, Trentino Alto Adige e Lombardia sono le regioni in cui la spesa familiare per gli eldom è stata più elevata, rispettivamente 263, 231 e 221 euro. Lombardia e Valle d’Aosta registrano anche un trend di crescita tra i più rilevanti d’Italia: +4,2% la prima e +3,6% la seconda. Ma il record di crescita spetta al Piemonte, dove la spesa complessiva per l’acquisto di apparecchi domestici è aumentata del 5,1% e quella per famiglia del 4,3%.
Per quanto riguarda, viceversa, le regioni con andamento negativo, non si evidenziano cali drastici: il più elevato riguarda l’Umbria, che registra una contrazione dell’1,5% a livello di spesa complessiva e una diminuzione del 2,1% della spesa per famiglia, che scende da 157 a 154 euro, mentre quella complessiva si attesta a 59 milioni di euro.
Anche in Lazio le famiglie hanno ridotto il budget per dotarsi di nuovi elettrodomestici, segnando un calo dell’1,7%.
A sostenere il trend complessivo del comparto elettrodomestici sono stati molteplici fattori, quali la ripresa dei redditi e gli incentivi fiscali che consentono ai consumatori di scegliere i prodotti più efficienti, i modelli smart e ad elevata efficienza energetica.
Esaminando, infine, il peso dei vari settori sul totale dei beni durevoli, gli elettrodomestici rappresentano circa l’8% della spesa, mentre l’elettronica di consumo e l’information technology si aggirano intorno al 4%.