Televisori – Offerta premium per LG

0
108
Sergio Buttignoni, CE HE & Field Sales Force Director LG Electronics
Sergio Buttignoni, CE HE & Field Sales Force Director LG Electronics

Per lo speciale televisori che pubblicheremo sul numero di ottobre della rivista abbiamo intervistato Sergio Buttignoni, CE HE & Field Sales Force Director LG Electronics, che ci ha presentato le caratteristiche salienti dei nuovi prodotti e ci ha raccontato quanto questi siano apprezzati dalla rete di vendita.

Quali sono i modelli più recenti introdotti da LG sul mercato italiano?
La collezione di LG OLED TV che abbiamo lanciato quest’anno include 4 modelli disponibili in 3 polliciaggi. Continuiamo a concentrarci nel segmento alto di gamma ed essendo noi stessi produttori di pannelli OLED, i modelli sono realizzati con le versioni più avanzate di questa tecnologia. LG può così sviluppare proposte declinate su varie caratteristiche per rispondere al meglio alle esigenze dei consumatori finali. Quest’anno abbiamo lavorato sul formato e sul design dei televisori, sull’audio, sullo spessore e sulle modalità di utilizzo in casa. Un esempio su tutti è LG SIGNATURE OLED TV W7 che, con uno spessore di soli 4 mm, può essere appeso alla parete con un sistema a magneti.
La collezione LG OLED TV 2017 assicura una perfetta riproduzione di nero e colori brillanti, con il 25% di luminosità in più rispetto ai modelli precedenti. La gamma dispone inoltre di sistema Audio Dolby Atmos, che diffonde il suono in maniera tridimensionale, e di schermi 4K ultra sottili.

Crede che il consumatore sia preparato all’uso di soluzioni Tv così evolute e sofisticate?
L’acquisto di un televisore OLED non è di sicuro un acquisto d’impulso, ma chi si accosta a questa tecnologia è sempre informato e preparato. Del resto si tratta di consumatori che generalmente, già ai tempi dei primi plasma, erano abituati a guardare attentamente la qualità dell’immagine, dell’audio e la resa dei colori. Questi stessi clienti oggi passano automaticamente all’OLED, come naturale evoluzione del plasma.

E gli addetti alle vendite sono pronti a presentare le caratteristiche degli OLED ai clienti?
A nostro avviso sì, sono decisamente pronti; gli addetti che in negozio seguono l’area Tv sono molto preparati e conoscono bene i prodotti anche perché questi si prestano a suscitare interesse e passione nel venditore.
Lato nostro poi, cerchiamo sempre di supportarli anche con una costante attività di training volta ad aggiornarli sulle ultime novità.

Qual è il trend dei televisori hi-end?
Per quanto riguarda gli OLED, quest’anno il mercato italiano dovrebbe chiudersi con un sell-out di circa 40-45.000 pezzi, di cui LG rappresenta circa il 97%. Non si tratta di una nicchia, è un segmento di mercato in forte crescita anno su anno, che si è già assestato come uno standard. Dieci anni fa chi comprava un plasma era un appassionato, che ricercava purezza e naturalezza d’immagine. Quel consumatore è rimasto concentrato su quegli stessi aspetti, così, come detto prima, chi sceglieva un plasma, oggi si orienta direttamente sull’OLED, lo dimostrano anche le ricerche. Sul totale del mercato Tv, i modelli OLED rappresentano circa il 6%. Occorre quindi focalizzarsi sul resto dei consumatori che hanno la possibilità di dotarsi di un televisore di questo tipo.

E che strategia si può adottare per riuscirci?
Partendo dal presupposto che ci rivolgiamo a un target dall’elevata potenzialità di spesa, la nostra mission è mostrargli che un televisore con tecnologia OLED può offrire la stessa gratificazione di un’automobile. Del resto il competitor di un prodotto del genere può essere un viaggio o appunto una macchina, per esempio. Il nostro obiettivo è spostare l’attenzione del consumatore dall’emozione e gratificazione suscitate da questi, a quelle offerte da un televisore di ultima generazione, che non sono da meno.
Ma bisogna lavorare con la distribuzione per far percepire al cliente, attratto da altre merceologie, che esiste anche questo segmento. È qualcosa che dobbiamo fare per la salute del settore stesso e per la soddisfazione del cliente finale.
Del resto fare innovazione, come fa LG, significa anche essere pionieri, non solo a livello tecnologico e di prodotto ma anche in termini “di apertura di nuovi scenari”.