ERP Italia: aumentare la raccolta di pile esauste a nord di Cuneo

0
108
Quest’anno i residenti delle zone interessate dall’iniziativa avranno a disposizione un numero maggiore di contenitori stradali per il conferimento delle pile, dislocati nei pressi di scuole e di altri edifici pubblici

A partire da giovedì 14 settembre nei comuni dell’Albese Braidese sarà avviato uno speciale programma di raccolta a domicilio delle pile esauste organizzato, per il quarto anno consecutivo, da ERP Italia e dal Consorzio Albese Braidese Servizi Rifiuti (Co.A.B.Se.R.). Quest’anno l’iniziativa, che si fregia del patrocinio della città di Alba, risulta estesa all’intero bacino territoriale servito dal Co.A.B.Se.R: un’area vasta a Nord di Cuneo che comprende 55 comuni e include circa 170.000 residenti, oltre 50.000 nuclei familiari.

Rispetto alle edizioni precedenti, ERP Italia e Co.A.B.Se.R. hanno ampliato e potenziato il sistema di raccolta. Nelle sei settimane di operatività dell’iniziativa, infatti, i residenti avranno a disposizione un numero maggiore di contenitori stradali per il conferimento delle pile, dislocati nei pressi di scuole e di altri edifici pubblici, e un dettagliato calendario dei giorni di raccolta consultabile anche sul sito internet del Consorzio all’indirizzo www.coabser.it/raccolte_comuni.html.

Altri contenitori dalle forme più vivaci e “a misura di bambino” saranno collocati all’interno di 15 plessi scolastici in cui avranno luogo attività didattiche e di sensibilizzazione ambientale concordate con la dirigenza d’istituto e il personale docente. Supportate sul territorio dalle ditte che cureranno le operazioni di ritiro, pesatura e stoccaggio delle pile, come Stirano per la Città di Alba, ERP Italia e Co.A.B.Se.R. fanno affidamento sul comprovato spirito civico e la sensibilità ambientale dei residenti dell’Albese Braidese ponendosi come obiettivo di superare i volumi raccolti negli anni precedenti. Inaugurata nel 2014 con un risultato finale di 2,13 tonnellate di pile esauste, infatti, l’iniziativa ambientale è cresciuta di anno in anno sino a toccare, nell’edizione 2016, quota 5,97 tonnellate.

«Da tre anni le comunità della provincia di Cuneo sono protagoniste di una risposta costantemente superiore alle aspettative, dimostrandosi ricettive e generose nel collaborare alla raccolta e al riciclo delle pile, tra i più piccoli e spesso trascurati rifiuti legati all’energia e all’elettronica di consumo», dichiara Alberto Canni Ferrari, country general manager di ERP Italia. «Quest’esperienza positiva da una parte conferma l’esistenza di una diffusa attenzione alla sostenibilità e di una disponibilità al coinvolgimento da parte dell’opinione pubblica che attendono l’occasione di manifestarsi, dall’altra ci rende ottimisti sull’esito del programma che stiamo per avviare».